‘Ergastolo per la patente’ con la riforma del codice della strada

E' in dirittura d'arrivo la riforma del codice della strada, che punta sulla sicurezza e prevede un inasprimento delle pene.

 E’ in dirittura d’arrivo la riforma del codice della strada, che punta sulla sicurezza e prevede un inasprimento delle pene. 
 Tra le principali novità messe in campo ci sarebbe l’introduzione dell’ergastolo della patente di guida, cioè la sospensione dell’autorizzazione a condurre mezzi per chi commette il reato di omicidio stradale.
 
In sostanza la nuova legge dovrebbe inasprire le pene, già esistenti, per la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe. Se fino ad oggi erano previste pene detentive lievi e ritiro temporaneo della patente, con questa modifica, in caso di incidente con vittime, il rischio è subire una condanna come quella per omicidio colposo che prevede una pena fino a 10 anni. 
 
La revoca della patente diventerebbe così definitiva (oggi è possibile ottenerla di nuovo dopo un apposito corso), e l’effetto della nuova legge si andrebbe ad estende anche per l’omissione di soccorso. Ovviamente sono compresi sia gli incidenti che gli investimenti di pedoni e ciclisti.
 
L’onorevole Paolo Gandolfi, relatore e componente della Commissione Trasporti della Camera dei deputati, a margine della presentazione della terza edizione della "Bikers Academy" ha dichiarato: "La legge che delegherà al governo la riforma del codice della strada è pronta, arriverà in pochi giorni in Aula e darà indicazioni precise al governo su come riformare il codice della strada. Sarà una riforma epocale, che porta il codice italiano ad allinearsi con il contesto europeo".
‘Ergastolo per la patente’ con la riforma del codice della strada
MOTORI ‘Ergastolo per la patente’ con la riforma del codice della...