Emissioni auto: il ‘trucco’ dell’Italia scoperto dalla Germania

L'Unione Europea apre una procedura di infrazione contro l'Italia per violazione delle norme europee sull’omologazione degli autoveicoli

La Commissione Ue ha avviato una procedura d’infrazione contro l’Italia per violazione delle norme europee sull’omologazione degli autoveicoli di Fiat Chrysler Automobiles. La procedura riguarda in particolare le emissioni. L’Italia ha due mesi di tempo per chiarire se su alcune vetture di Fca sono state usate ”defeat devices” (ovvero sistema di abbattimento delle emissioni) illegali o meno.

LE DENUNCIA DELLA GERMANIA
Tutto nasce da una denuncia della Germania che, in una missiva inviata alla Commissione europea, aveva denunciato che da alcuni test effettuati dalla motorizzazione tedesca su quattro modelli di Fiat-Chrysler erano emersi risultati fuori-norma che provavano, stando all’accusa dei tedeschi, l’utilizzo di un dispositivo vietato in grado di ”truccare” le emissioni dei motori diesel

COME FUNZIONAVA IL ‘TRUCCO’
Secondo l’agenzia federale dell’automobile tedesca dai test su quattro modelli FCA si è scoperto che i sistemi di filtro delle emissioni inquinanti si disattivano dopo 22 minuti, vale a dire due minuti dopo la durata standard dei test di controllo.

COSA DICE LA NORMATIVA UE
La normativa comunitaria in materia di omologazione vieta l’uso di impianti di manipolazione come software, timer o finestre termiche, che conducono a un aumento delle emissioni di NOx al di fuori del ciclo di prova, “a meno che essi non siano necessari per proteggere il motore da eventuali danni o avarie e per garantire un funzionamento sicuro del veicolo”.

COSA SONO I NOx?
Per NOx si intende una categoria di inquinanti che comprende collettivamente gli ossidi di azoto originati come prodotti indesiderati di una qualsiasi combustione che avviene utilizzando aria. Nei motori diesel le emissioni più problematiche sono proprio quelle di ossidi di azoto e di particolato.

LE AUTO COINVOLTE
Sotto tiro sono i software per il controllo delle emissioni inquinanti montato sulle Fiat 500x, ma in passato si era parlato anche di Jeep Renegade e Fiat Doblò.

MULTE PER FCA?

In base alla legislazione Ue, spetta alle autorità nazionali verificare che un tipo di automobile soddisfi tutte le norme comunitarie prima che i veicoli possano essere venduti sul mercato unico. Qualora un costruttore violi gli obblighi normativi, le autorità nazionali devono adottare misure correttive e applicare sanzioni “effettive, proporzionate e dissuasive” stabilite nella legislazione nazionale.

Emissioni auto: il ‘trucco’ dell’Italia scoperto dalla Germania
MOTORI Emissioni auto: il ‘trucco’ dell’Italia scoperto dal...