Auto: tornano gli incentivi GPL e metano

Stanziati un milione e ottocentomila euro per la conversione in GPL o metano

Volete cambiare l’alimentazione della vostra vecchia auto in un più ecologico GPL o metano? Questo è il momento giusto: sono infatti ripartiti gli incentivi statali ICBI (Iniziativa Carburanti a Basso Impatto) per la conversione delle auto ‘stagionate’ in veicoli ‘ecologici’.

La campagna promossa dal Ministero dell’Ambiente non è in sé cosa nuova, visto che si tratta di un’iniziativa partita anni fa ma era stata sospesa nel 2012 per esaurimento fondi. Ora ne sono stati stanziati di nuovi, per la precisione 1.8 milioni, grazie all’accordo di programma tra il sopracitato Ministero e una convenzione di 674 comuni. In totale, i fondi permetterebbero di ‘convertire’ circa 4500 auto.

La maggior parte degli 1.8 milioni (1.5 nello specifico) è destinata a chi vuole trasformare a metano o GPL le auto Euro 2 e Euro 3 immatricolate dopo il primo gennaio 1997 ed appartenenti a persone fisiche o giuridiche residenti o con residenza legale o operativa in uno dei 674 Comuni aderenti alla convenzione. Si potranno così ottenere a ‘testa’ 500 euro per la conversione in GPL e 650 per il metano, di cui 150 a carico delle officine che effettuano l’installazione. La parte rimanente dello stanziamento, ovvero 300mila euro, è invece destinata alla conversione di veicoli commerciali leggeri inferiori alle 3.5 tonnellate.

Cosa fare per ottenere l’incentivo? La condizione base è ovviamente risiedere in uno dei 674 Comuni: ci deve quindi rivolgere ad un’officina aderente all’iniziativa e fare richiesta per l’intervento e relativo contributo. Sarà quindi compito dell’officina stessa prima verificare la disponibilità dei fondi e poi ‘prenotare’ la tranche dei fondi stessi per una data prefissata. Sempre l’officina fisserà poi quella dell’intervento meccanico con il beneficiario. Lo ‘sconto’ ottenuto grazie all’incentivo verrò quindi detratto dalla spesa, tenendo come riferimento il listino dei prezzi massimi indicati sul sito www.ecogas.it, dove si possono trovare anche le officine aderenti alla campagna.

Ricordiamo che il contributo non è cumulabile con altre forme di agevolazioni statali ma si può aggiungere a quelle locali o private. Per ogni altra informazione e, soprattutto, per l’elenco dei comuni aderenti all’iniziativa si può consultare il sito dell’Ufficio ICBI.

Auto: tornano gli incentivi GPL e metano
MOTORI Auto: tornano gli incentivi GPL e metano