Arriva il documento unico di circolazione: addio libretto per le auto

Per le auto non più libretto e certificato di proprietà, ma un documento di circolazione. Il risparmio è di 39 €

Addio dal 1 luglio 2018 al certificato di proprietà e il libretto di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi: al loro posto arriverà il documento unico di circolazione. Il governo ha infatti dato il via libera, durante il Consiglio dei ministri di questa sera, al decreto che introduce il nuovo documento a partire dall’estate del prossimo anno e che sostituirà gli altri due oggi utilizzati, il primo di competenza dell’Aci, il secondo prodotto dalla Motorizzazione Civile e previsto anche negli altri Paesi europei.

La nuova ”carta di circolazione” sostituirà i due documenti attuali: il certificato di proprietà del veicolo, di competenza dell’Aci, e il libretto di circolazione prodotto dalla Motorizzazione civile, come previsto negli altri Paesi europei.

Addio quindi al libretto di circolazione e al certificato di proprietà come li conosciamo ora: anche se non ci sarà un’agenzia unica a cui fare riferimento, gli automobilisti italiani potranno finalmente usufruire dei vantaggi dei colleghi residenti negli altri Paesi europei.

Al momento per ogni passaggio di proprietà o nuova immatricolazione il costo è di 100 euro, mentre con l’approvazione del documento unico di circolazione il prezzo si abbassa a 61: si pagheranno due bolli anziché quattro. Il risparmio è di 39 euro, meno burocrazia e documenti per chi possiede un veicolo, mentre sarà compito dell’Aci riferirsi alla Motorizzazione per richiedere i dati di circolazione.

 

Arriva il documento unico di circolazione: addio libretto per le auto
MOTORI Arriva il documento unico di circolazione: addio libretto per le ...