Yamaha XSR700: stile vintage, tecnologia moderna

La Yamaha presenta figlia del progetto "Faster Sons", un mix di look retrò e tecnologia moderna

Dagli anni ’70 ad oggi: la Yamaha ha svelato la XSR700, primo capitolo del progetto "Faster Sons" ideato dalla Casa dei Tre Diapason e lanciato con l’omonima concept bike disegnata dal leggendario Shinya Kimura. La XSR700 rappresenta la fusione dello stile vintage delle moto classiche, le café racer, con la tecnologia più moderna.

Esteticamente i richiami alle moto degli anni ’70 sono evidenti: ad esempio, faro (con luci LED), serbatoio e tachimetro sono in puro stile retro, gli pneumatici Pirelli Phantom esibiscono un battistrada classico e anche l’effetto sonoro fornito dalla marmitta contribuisce a rendere la XSR700 una vera e propria "Sport Heritage", come definiscono questa serie in Yamaha. 

Sotto il look vintage, però, la tecnologia è assolutamente moderna, basandosi in gran parte sulla Mt-07, una delle moto di maggior successo della casa giapponese. Il motore è un bicilindrico frontemarcia da 689 cc, costruito su filosofia ‘crossplane’, con fasatura a 270°, potenza di 78,4 CV e 9000 giri al minuto, e coppia massima di 68 Nm a 6500 giri al minuto. 

A livello di struttura, il forcellone corto da 530 mm aiuta molto in fase di controllo, rendendo la moto, pesante circa 186 kg, maneggevole per chi è alle prime armi così come divertente per chi invece cerca qualche emozione in più. I cerchi sono in allumino a 10 razze, i doppi freni anteriori a margherita da 282 mm con pinze a quattro pistoncini e l’ABS, sia anteriore che posteriore, è di serie. 

Disponibile in colorazione Forrest Green e Garage Metal, la nuova XSR700 arriverà nelle concessionarie il prossimo novembre – il prezzo è ancora da svelare -, contemporaneamente ad un ricco catalogo di accessori per personalizzarla e ad una linea di abbigliamento tecnico sempre rigorosamente in stile vintage.

MOTORI Yamaha XSR700: stile vintage, tecnologia moderna