Uso della corsia di emergenza: quando scatta la multa

L'uso della corsia di emergenza è regolato dal Codice della Strada

La corsia di emergenza è definita dall’art.3 del codice della strada come una corsia che fa parte della strada ma non della carreggiata destinata alle soste di emergenza, al transito dei veicoli di soccorso ed al movimento dei pedoni in via eccezionale nei casi in cui questo sia ammesso.

Questa corsia è destinata principalmente alla circolazione dei veicoli di soccorso, assistenza e sorveglianza e alla fermata per eventuale difficoltà o malessere dei passeggeri oppure in caso di avaria di automezzi.

La sosta sulla corsia di emergenza deve essere breve e non deve superare le 3 ore. Le sanzioni previste variano dai 370 fino ai 1.485 €, è prevista inoltre la decurtazione di 10 punti dalla patente, la sospensione della stessa dai 2 ai 6 mesi e la rimozione coatta del veicolo.

In caso di guasto o avaria del veicolo, questo va segnalato tramite il triangolo in dotazione, posizionandolo in un punto ben visibile (e che non intralci il traffico) ad una distanza di 100 metri dal veicolo guasto. In caso di mancato rispetto delle suddette norme, la multa va dai 74 ai 296€, è prevista inoltre la rimozione coatta del veicolo e la decurtazione di 2 punti dalla patente.

Sulla corsia di emergenza non è possibile effettuare la retromarcia (se non in caso di manovra in zone di servizio o aree di parcheggio). In caso di infrazione, la multa prevista varia dai 370 ai 1.485€, con decurtazione di 10 punti sulla patente e addirittura la sospensione della stessa dai 2 ai 6 mesi.

Sulla corsia di emergenza possono transitare solo i mezzi di soccorso (ambulanze, polizia, vigili del fuoco etc.) e anche per i pedoni è previsto un preciso regolamento.

I pedoni infatti possono transitare solo indossando il giubbotto rifrangente omologato CE (pena una sanzione dai 22 agli 88€) e per raggiungere i punti di richiesta soccorso (in questo caso il transito senza giusto motivo è sanzionato dai 36 agli 148€ e con la decurtazione di un punto sulla patente).

In caso di sosta sulla corsia di emergenza con scarsa visibilità o di notte è obbligatorio tenere accese le luci di posizione o le quattro frecce di emergenza, la sanzione prevista in questo caso va dai 36 ai 148€ con decurtazione di un punto dalla patente.

Se la corsia di emergenza non è presente o è occupata (a causa di code, incidenti, lavori) i veicoli che occupano la corsia di marcia, devono stare il più vicino possibile alla striscia di sinistra, pena una multa dai 74 a 236€ e la decurtazione di 2 punti dalla patente.

 

 

MOTORI Uso della corsia di emergenza: quando scatta la multa