Telepass: Cosa sono le agevolazioni per i pendolari?

Il Telepass prevede delle agevolazioni per i pendolari, ossia per coloro che, per motivi lavorativi o personali, utilizzano molto frequentemente la fitta rete autostradale

Il Telepass prevede delle interessanti forme di agevolazione sul pagamento del prezzo finale per i pendolari , ossia per coloro che viaggiano lungo la rete autostradale e dunque affrontano spese consistenti che pesano molto sul budget familiare. All’atto della sottoscrizione del contratto, di persona presso il Punto Blu o in via telematica attraverso il sito internet http://www.telepass.it, è possibile evidenziare le proprie abitudini, sottolineando la caratteristica del pendolarismo in modo da usufruire di sconti e promozioni.

L’autostrada rappresenta il percorso che giornalmente il pendolare segue per raggiungere il posto di lavoro. In genere, la partenza è alle prime ore del mattino e il rientro nel tardo pomeriggio o serata, per questo motivo, viste le ore trascorse a guidare, tale tipologia di viaggiatore ricerca degli strumenti per abbreviare le attese. Telepass, trattandosi di un dispositivo elettronico che consente ai veicoli che ne sono provvisti, di passare lungo le corsie preferenziali, permette di vivere i viaggi quotidiani con maggiore comodità. Il pagamento del pedaggio autostradale può avvenire in forma cumulativa o in forma periodica, con canoni mensili.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, al fine di agevolare gli automobilisti e la circolazione del traffico, ha introdotto anche per l’anno 2016 la possibilità, per i pendolari, di richiedere lo sconto Telepass che oscilla dal 1% sino a raggiungere anche il 20%. Non tutti riescono a beneficiare di questo sconto in quanto è valido esclusivamente per chi guida i veicoli in classe A e per ottenere la piena validità viene erogato solamente per coloro i quali effettuano la registrazione presso il sito internet, mediante l’inserimento dei dati personali, del veicolo e il chilometraggio medio annuo.

Lo sconto Telepass, introdotto in via sperimentale nel 2014, ha riscontrato nel corso degli anni un notevole successo in quanto in Italia, da studi in materia, è emerso che il mezzo di trasporto più utilizzato per raggiungere il posto di lavoro è l’auto, per questo ottenere dei ribassi sul prezzo finale è molto apprezzato da parte degli automobilisti. All’inizio si parlava di una durata minima di un solo anno, al fine di verificare l’attenzione del pubblico, ma i risultati dell’iniziativa hanno convinto il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture ad effettuare varie proroghe che hanno ampliato anche il bacino d’utenza, incrementando il numero degli iscritti al servizio Telepass, attratti dalla convenienza.

MOTORI Telepass: Cosa sono le agevolazioni per i pendolari?