Quanto si paga per la sanzione per divieto di sosta (art. 158)

La sanzione dell'articolo 158 prevista dal nuovo codice della strada varia a seconda del mezzo e delle situazioni: ecco i casi previsti e gli importi delle multe

La sanzione dell’articolo 158 è prevista per chi non rispetta il divieto di sosta. La legge, inserita nel nuovo codice della strada, stabilisce nel dettaglio tutte le informazioni riguardanti la sua infrazione. Il segnale in questione è di prescrizione e vieta la sosta solo nel lato della strada dove è posto. I divieti di sosta sono validi nei centri urbani dalle 8 di mattina fino alle 20 di sera. Quelli, invece, posti al di fuori dei centri abitati devono essere rispettati per tutte le 24 ore. Alcuni possono avere un pannello integrativo riportante una fascia oraria: in questo caso sarà valido solo nell’arco di tempo indicato.

Questa tipologia di cartelli stradali presenta una sostanziale differenza dai segnali di divieto di sosta e di fermata, rappresentati da due linee oblique rosse su sfondo blu. Ciò che li differenzia è il fatto che i divieti di sosta consentono al veicolo una temporanea sospensione della marcia, utile per compiere operazioni che non richiedono molto tempo. Un esempio può essere la salita o la discesa dei passeggeri dalla vettura che, nel caso di entrambi i divieti, non sarebbe stato possibile effettuare.

Per i divieti di sosta, dunque, è prevista una sanzione dall’articolo 158 molto rigida, il cui importo varia sulla base di determinati fattori. Generalmente l’imposizione è valida in corrispondenza o in prossimità di passaggi a livello e binari ferroviari, di gallerie e sottopassaggi, di dossi, curve e zone che ostacolano la vista di segnali sia stradali sia luminosi. La sanzione dell’articolo 158 prevista per l’infrazione del divieto di sosta può oscillare dai 24 euro fino ad arrivare ai 335 euro. Ma in base a cosa si deve pagare un importo piuttosto che un altro?

L’ammontare della multa può innanzitutto essere determinato dalla tipologia di mezzo: varierà dai 40 ai 163 euro per i motocicli e ciclomotori, mentre avrà un importo compreso tra gli 84 e i 335 euro se si tratta di veicoli a quattro ruote. Tale sanzione riguarda la maggior parte dei casi prima indicati. Differente, invece, sarà il criterio utilizzato per le vetture che bloccano l’uscita dai cancelli con passi carrabili, che si trovano in seconda fila nelle aree di carico e scarico merci e nelle zone a traffico limitato. In questo caso varierà dai 24 ai 97 euro per i mezzi a due ruote, e dai 41 ai 168 euro per i restanti veicoli.

MOTORI Quanto si paga per la sanzione per divieto di sosta (art. 158)