Si può fumare in auto? Cosa dice la legge

Dal 2 febbraio è entrato in vigore il divieto di fumare in auto in presenza di minori e donne in gravidanza. Possibili multe fino a 500 euro

In Italia non è vietato fumare in auto, la bufala è circolata in rete nelle scorse ore.

La legge dice che  è  vietato fumare in automobile, in sosta o in movimento, con a bordo minori e donne in gravidanza e in prossimità degli ospedali.
La legge approvata ha un obiettivo preciso: vincere la campagna contro i fumatori e salvaguardare la salute dei passeggeri, soprattutto dei più piccoli, in quanto, inutile ripeterlo, fumare è dannoso non solo per chi fuma ma anche per tutti coloro i quali son costretti a respirare le numerose sostanze nocive emanate dentro l’autoveicolo.

Fumatori avvisati: le multe arrivano e, in determinate situazioni, possono anche superare i 500 euro. Le sanzioni saranno disciplinate dalle regole generali per la tutela dei non fumatori e non dal Codice della strada. Motivo per cui non saranno concessi sconti per chi paga entro i cinque giorni. Le infrazioni saranno comunque difficili da valutare poiché non avverranno in un locale chiuso, bensì in uno in movimento. Basti pensare a quanto già sia complicato scoprire le infrazioni provocate dall’utilizzo dello smartphone alla guida.

Quel che è certo, come si può notare leggendo sulla Gazzetta Ufficiale, è l’intento dell’Italia di voler tutelare i non fumatori, a maggior ragione se minorenni.

Non solo sulla nostra penisola sono stati incrementati i divieti per i fumatori, ma in molti altri paesi europei. Fra tutti, l’Inghilterra sta conducendo da diversi anni una campagna di sensibilizzazione sui danni provocati dal fumo.
Inoltre, sembra che la legge possa subire ulteriori modifiche entro il prossimo Natale, per rimanere in tema con la direttiva europea per diminuire il numero fumatori e punire maggiormente i trasgressori, estendendo il divieto assoluto di fumare in macchina. Per ora, però, nulla è ancora stato deciso definitivamente.

Per quanto concerne le sanzioni, in generale le norme sul divieto di fumare prevedono una multa da 27,50 a 275 euro, ma, stando alle violazioni introdotte in presenza di minorenni o donne in gravidanza, sono da raddoppiare. Quindi, una sanzione da 275 euro potrebbe costare il doppio a colui che la viola in presenza dei casi sopra citati.
Inoltre, con l’approvazione della nuova legge, sono cambiate anche le modalità di ricorso: si potrà chiedere ricorso solo al prefetto entro 30 giorni, e non al giudice entro 60 giorni come previsto dal Codice della Strada.

MOTORI Si può fumare in auto? Cosa dice la legge