Le 5 novità che cambiano l’assicurazione auto

Ecco alcune novità che potrebbero rivoluzionare il mondo dell'assicurazione auto

Le assicurazioni per le auto subiranno diversi cambiamenti. Di fatto le novità rilevanti in futuro potrebbero essere cinque.

STOP ATTESTATO DI RISCHIO CARTACEO

Dal 1 luglio 2015 l’attestato di rischio cartaceo sparirà. Tutto il conteggio dei dati relativi alla classe bonus malus e ai sinistri causati negli ultimi anni verrà comunicato dalla compagnia assicurativa all’Ania. L’automobilista non sarà più obbligato ad andare in agenzia per avere l’attestato, potrà consultare in qualsiasi momento i propri dati accedendo a un database centralizzato e, da qui, verificare la propria classe di merito.

CONTRASSEGNO ADDIO

Dal 18 ottobre 2015 sparirà anche il contrassegno, il tagliando assicurativo da esporre sul parabrezza per attestare il regolare pagamento della polizza. Gli automobilisti potranno controllare in tempo reale lo stato di attivazione della propria RC auto andando sul portale dell’automobilista del Ministero dei Trasporti e inserendo la targa della propria autovettura

CID VIA SMARTPHONE

Il CID (modulo di constatazione amichevole) è l’unico e scomodo strumento a disposizione degli assicurati per accelerare la pratica di liquidazione del sinistro. L’Euresa, l’associazione delle imprese europee di mutua assicurazione e corporative, ha recentemente deciso di rilasciare un’app per smartphone che promette di snellire tutto il processo di compilazione dei dati e dovrebbe arrivare nei prossimi mesi anche in Italia.

SCATOLA NERA
La scatola nera è un dispositivo satellitare proposto dalle compagnie assicurative per avere dati più precisi da valutare in caso di sinistro. L’obiettivo è ridurre il numero di frodi. Il vantaggio per l’automobilista varia a seconda della compagnia, mediamente si parla del 10%
DASH-CAMERA
Le dash-camera, le videocamere che registrano tutto ciò che accade davanti alla macchina, potrebbero diventare nei prossimi anni uno strumento utile alle assicurazioni (e agli assicurati) per dirimere situazioni dubbie in caso di incidenti. Gli apparecchi di ultima generazione sono dotati, oltre che di un sensore video, anche di sensori e sistemi GPS per calcolare i dati di posizione, orario, velocità, forze G e audio. Per questo c’’è chi li considera un’evoluzione della scatola nera.
MOTORI Le 5 novità che cambiano l’assicurazione auto