Come individuare il consumo anomalo degli pneumatici

E' necessario verificare ed Individuare il consumo anomalo degli pneumatici per condurre il proprio veicolo con la massima tenuta di strada possibile.

L’aderenza di un’auto o generalmente di un veicolo a motore è garantita e affidata al battistrada che è a diretto contatto con il manto stradale. E’ necessario quindi controllare costantemente e con cadenza regolare il grado di usura degli pneumatici in particolar modo se si rende tangibile un consumo anomalo che può portare a indesiderate forature, ad aggravare il fenomeno dell’aquaplaning e a peggiorare sensibilmente il comfort di guida e la tenuta di strada del veicolo.

Usura irregolare degli pneumatici

La normale usura degli pneumatici è segnalata da uno o più tasselli posti nel fondo dei canali che indicano lo stato generale di usura degli pneumatici e fungono per l’appunto da indicatore di usura. Se il battistrada raggiunge suddetti tasselli significa che è arrivato il momento di chiamare il gommista e di effettuare un preventivo per sostituire il treno di gomme.

Usura a chiazze

L’usura a chiazze si manifesta su tutta la circonferenza dello pneumatico, tendenzialmente si presenta anche sulla gomma dello stesso asse e può causare forti vibrazioni che aumentano con il passare del tempo; il rumore del rotolamento viene accentuato. Questa anomalia può essere causata da una non corretta regolazione della geometria del veicolo o da ammortizzatori usurati o poco efficienti.

Usura di entrambe le spalle

L’usura contemporanea delle due spalle dello pneumatico può verificarsi se il veicolo marcia per un lungo periodo di tempo sovraccarico o se gli pneumatici sono costantemente sgonfi. L’anomalia può presentarsi anche in congiunzione ad un tipo di guida sportiva. Il comportamento su strada del veicolo potrà essere quindi incerto con tutte le conseguenze del caso. Rivolgiamoci ad un professionista che valuterà se ripristinare la corretta pressione degli pneumatici o se sarà necessario procedere alla loro sostituzione.

Usura su una spalla

L’usura su una spalla di uno pneumatico può verificarsi anche sul pneumatico dello stesso asse; in questo caso sarà necessario far controllare la campanatura del veicolo che risulterà negativa se l’usura è relativa alla spalla interna e positiva se coinvolge la spalla esterna. Rivolgiamoci ad uno specialista che effettuerà le dovute regolazioni della geometria del veicolo e valuterà lo stato di usura degli pneumatici.

Usura al centro

Se il battistrada risulta più usurato al centro piuttosto che nelle spalle è possibile che gli pneumatici siano stati gonfiati oltre le caratteristiche indicate dal costruttore oppure che si è circolato per un lungo periodo di tempo con le gomme sgonfie. In entrambi i casi è necessario riportare la pressione degli pneumatici a quella indicata dalla casa e se fossero stati raggiunti i limiti di usura consentiti dalla legge, provvedere alla loro sostituzione.

Usura a dente di sega

Questo genere di usura si manifesta principalmente sugli pneumatici trainati e non in quelli di trazione e di solito si evidenzia su entrambe le gomme dello stesso asse. L’usura è localizzata e si manifesta sui bordi di scolo e di attacco dei tasselli e può essere causata dalla forma della scolpitura del battistrada, dalla durezza della mescola, dall’utilizzo di pressioni non idonee, da problemi si ammortizzatori, dalla geometria del veicolo e dall’utilizzo di una guida aggressiva. I sintomi di questa problematica sono la comparsa di vibrazioni che aumentano con il tempo e la comparsa di rumore di rotolamento. Il professionista valuterà se esiste la possibilità di invertire gli pneumatici anteriori con quelli posteriori senza procedere alla sostituzione.

MOTORI Come individuare il consumo anomalo degli pneumatici