Come controllare l’usura degli pneumatici

Controlliamo l'usura degli pneumatici per garantire sicurezza e stabilità all'auto ed evitare sanzioni e multe salate.

La sicurezza di un’auto passa anche e soprattutto dal controllo regolare dello stato di usura degli pneumatici. Il battistrada infatti essendo l’unico elemento in diretto contatto con la strada garantisce grazie alle scanalature una perfetta aderenza del veicolo. Se gli pneumatici sono consumati si ha un maggior rischio di foratura, di incrementare l’effetto aquaplaning anche a basse velocità, di aumentare lo spazio di frenata e di ridurre sensibilmente la tenuta di strada del veicolo.

Il codice della strada e le sanzioni

Il codice della strada prevede multe salate e sanzioni per chi circola con pneumatici lisci o usurati. La legge in merito indica che gli pneumatici devono essere privi di lesioni, il disegno o la trama del battistrada devono essere ben visibili su tutta la sua circonferenza e larghezza e la profondità degli intagli centrali non deve essere inferiore agli 1,60 mm. Chi circola con pneumatici usurati rischia una multa che può andare da 85 euro fino a 338 euro e la decurtazione di due punti patente. L’agente preposto al controllo laddove verifichi e contesti gravi irregolarità può intimare al conducente di non proseguire la marcia, decurtando tre punti patente e addebitandoci i costi relativi al trasporto del veicolo.

Tassello di usura

Come controllare l'usura degli pneumatici

La maggior parte degli pneumatici in commercio prevede l’inserimento di un piccolo tassello sul fondo del canale che indica lo stato di usura della gomma. Quando il battistrada raggiunge il tassello significa che lo pneumatico ha raggiunto il limite legale di utilizzo e va sostituito. Oltre questo limite si rischiano sanzione salate, ma soprattutto si rischia la propria sicurezza e quella degli altri.

MOTORI Come controllare l’usura degli pneumatici