Che fine fanno gli pneumatici fuori uso? Diventano pavimenti

Gli pneumatici usurati non saranno più buttati, ma potranno diventare una risorsa utile per il futuro, producendo energia e componendo il materiale delle pavimentazioni su cui camminiamo

Gli pneumatici buttati possono ricoprire una superficie pari a oltre 30 campi da calcio, solo in Toscana. In questa regione quasi 8.000 tonnellate sono state riciclate e fatte diventare gomma utile per ricopre le superfici sportive, oppure essere utilizzate come materiale per allestire altre pavimentazioni. Le strade ricoperte con gomma riciclata dagli automobili sono molto durature e alquanto silenziose; permettono di fungere da isolamento per i segnali acustici e si rivelano resistenti nel caso dei terremoti. Grazie alla particolare composizione degli atomi, i materiali riciclati sono completamente antivibranti. L’azienda Ecopenus raccoglie gli pneumatci rovinati anche con lo scopo di estrarne l’energia utile per le aziende e le famiglie italiane.

Basti pensare che circa 1.000.000 di gomme possono garantire l’energia a una buona parte della Toscana. Questi dati sono stati resi pubblici durante il corso “Impianti Aperti-Ecopneus”, finalizzato a istruire i cittadini italiani sulle possibilità energetiche degli pneumatici dell’auto . Durante il corso, a vari enti provenienti dal mondo dell’industria, agli istituzioni di controllo e persino ai cittadini è stato mostrato il processo di conversione delle gomme automobilistiche in energia rinnovabile o in materiali utili per rivestire le superfici.

Gli pneumatici usurati vengono sottoposti alla frantumazione, in seguito alla quale si formano dei pezzi molto piccoli di gomma. La frammentazione continua fino ad arrivare a ottenere l’acciaio, il polimero in gomma e le fibre tessili. Ognuno di questi 3 materiali può essere in seguito utilizzato per vari scopi e trova un largo impiego in alcuni settori dell’industria. Quest’ultima quindi fa meno sforzi per ricercare i materiali e alla fine ne risente anche la macroeconomia dell’Italia.

L’acciaio ottenuto dagli pneumatici viene ulteriormente lavorato e dopo essere stato sottoposto a vari processi, sia fisici che meccanici, può venire utilizzato come una normale lega o come un metallo adatto ai bisogni industriali. Il polimero in gomma e le fibre tessili vengono utilizzate per allestire campetti da calcio, palestre, aree relax , panchine e persino le piste ciclabili o quelle da trekking. Come mostra Ecopneus, il materiale ottenuto è facilmente utilizzabile. Per rivestirne i muri è aumentare l’isolamento acustico di un edificio non ci vogliono assolutamente dei grandi sforzi: basta applicare il polimero in gomma su delle lastre e affiggerle sulle pareti.

MOTORI Che fine fanno gli pneumatici fuori uso? Diventano pavimenti