Bollo auto: come si calcola e come pagarlo online

Il bollo è una tassa obbligatoria per tutti coloro che possiedono un'autovettura; per calcolare la sua entità è necessario seguire alcuni semplici passi, vediamoli insieme

Il bollo auto è una tassa obbligatoria che ogni automobilista o proprietario di veicolo, deve pagare una volta all’anno.
Chi si occupa di questa tassa è l’ACI (Automobile Club d’Italia), che gestisce tantissime documentazioni di tutti i veicoli.

Calcolare il bollo auto è un’operazione semplice che richiede alcuni passaggi da effettuare, nel sito internet della stessa agenzia.
Sulla schermata iniziale nel lato sinistro si trova la scritta bollo auto, dopo aver cliccato sopra la stessa, si entra in una pagina dove si trova la sezione dedicata al calcolo del bollo auto.
Per effettuare il calcolo è necessario fornire alcuni dati, del veicolo e dell’intestatario dello stesso.
La prima cosa da fare è specificare il tipo di pagamento (rinnovo di pagamento, prima immatricolazione, reimmatricolazione di veicolo, rientro da esenzione, riacquisto di possesso, targa prova, integrazione per complessi, pagamento integrativo, pagamento anticipato); la tipologia di veicolo da bollare (autoveicoli, rimorchi, motoveicoli, minicar, ciclomotori).
Bisogna poi specificare la regione di residenza dell’intestatario e la targa del veicolo, infine inserire il codice specificato in basso a sinistra.

Calcolato il valore del bollo auto, sarà possibile pagarlo on line, seguendo le istruzioni specificate nel sito dell’ACI, oppure recandosi presso un’agenzia di pratiche auto, un punto lottomatica o presso gli uffici delle poste italiane compilando l’apposito conto corrente.
Un altro modo veloce e sicuro per calcolare l’entità del bollo auto sarà quello di collegarsi on line sul sito web dell’Agenzia delle Entrate.
Qui cliccando nell’apposita sezione dedicata al calcolo del bollo auto, sarà sufficiente inserire la tipologia del veicolo e la targa dello stesso per ottenere rapidamente l’ammontare del bollo da pagare.
Nel sito dell’Agenzia delle Entrate si può inserire anche la potenza dell’auto, la direttiva euro, la regione di residenza dell’intestatario del veicolo, il tipo di veicolo e se lo stesso è dotato di impianto gpl o metano.

Il pagamento della tassa automobilistica dell’anno in corso può essere pagato solo a partire dal primo giorno del mese successivo a quello di scadenza.
Nel caso di prima immatricolazione, sarà necessario attendere qualche giorno dopo l’immatricolazione stessa.
Ad esempio, se la scadenza è prevista per ilmese di agosto, sarà possibile effettuare il pagamento a partire dal giorno 1 del mese di settembre.

Immagini: Depositphotos

MOTORI Bollo auto: come si calcola e come pagarlo online