7 ottime ragioni per scegliere un’auto a metano

Costa meno della metà della benzina, è sicuro, ecologico e molto conosciuto visto che arriva fin nelle nostre case: è il metano

Che benzina, GPL e gasolio siano combustibili difficili da gestire sul piano delle emissioni è un dato di fatto. Per questo, ma non solo, se avete in mente di sostituire l’auto di famiglia probabilmente potreste indirizzarvi verso il metano che è un idrocarburo più pulito e largamente disponibile sul mercato. Inoltre il metano è presente nella maggior parte delle case degli italiani. I veicoli a metano, ormai realtà da molti anni, si sono evoluti fino al punto in cui rappresentano un’ottima alternativa.

1) Il costo del metano è sensibilmente inferiore a quello della benzina e del gasolio. Un’auto a metano di ultima generazione, è in grado di percorrere circa 400 km con meno di 15 euro di spesa. Percorrere un km a metano significa risparmiare circa il 65% rispetto allo stesso tragitto effettuato a benzina.

2) Un veicolo dotato di propulsore a metano è oggi stesso oltre le specifiche ammesse dalla norma Euro 6. Infatti la sua combustione genera il 20% in meno di CO2 rispetto la benzina, sia il particolato PM10, che il “Black carbon” PM2,5 sono assenti, così come il piombo e gli idrocarburi policiclici aromatici. La concentrazione degli ossidi di azoto NOx risultano inferiori del 72% e del 95% considerando rispettivamente un veicolo a benzina e uno a gasolio. Inoltre il metano essendo estratto e immesso nei metanodotti, ha il grande vantaggio di non richiedere le lavorazioni tipiche della benzina quali l’estrazione, la raffinazione, il trasporto su camion e lo stoccaggio in cisterne. Il metano arriva tanto nelle case quanto nei distributori.

3) Il metano oltre ad essere un gas atossico, ha una temperatura di autoaccensione di oltre 537°C, quella della benzina è di circa 250 °C; il primo è chiaramente meno infiammabile. Le bombole sono inizialmente pressurizzate a 220 bar che vanno a diminuire mano a mano che si utilizza l’auto. Per tutti coloro che avanzano dubbi sulla sicurezza delle bombole, ricordiamo che i veicoli a metano così come tutti gli altri, sono sottoposti agli stessi crash test e prove di incendio. Inoltre le bombole sono progettate e collaudate per lavorare a 300 bar, ma sopportano e resistono anche pressioni di 450 bar. A differenza del GPL, In caso di accidente le fuoriuscita il metano si disperde molto velocemente.

4) Oltre 1.000 i distributori sparsi nel territorio italiano e continuano ovviamente ad aumentare, ma se viviamo in una zona non servita, è possibile, installare un piccolo compressore casalingo in grado in circa 8 ore di fare il pieno all’auto. Sicuramente comodo la notte e il costo del gas viene addebitato direttamente in bolletta.

5) L’altro mito da sfatare è quello relativo ai danni che il motore subirebbe alimentato a metano. La benzina è particolarmente utile per mantenere correttamente lubrificate le parti meccaniche, proprio per questa ragione i veicoli moderni integrano la possibilità della doppia alimentazione. L’alternanza automatica di iniezioni miste di carburanti, assicura la corretta protezione delle parti in movimento, che a differenza dei veicoli di vecchia concezione sono sottoposti ad un minore stress da utilizzo.

6) Il metano, in base ad uno speciale decreto ministeriale, non è soggetto ad alcuna restrizione o limitazione per quanto riguarda la sosta o il parcheggio. Il GPL invece è limitato ai parcheggi esterni o al primo piano di quelli sotterranei dei garage .

7) Il blocco del traffico non rappresenta un problema. I veicoli a metano non sono per il momento soggetti alle limitazioni del traffico visto che emettono livelli di inquinamento davvero molto bassi.

MOTORI 7 ottime ragioni per scegliere un’auto a metano