Mobike, il nuovo bike sharing di Milano arriva dalla Cina

Il nuovo servizio arriva dalla Cina con biciclette a noleggio in modalità free flow, ovvero prive di stalli dove prelevare e riconsegnare le biciclette.

La nuova frontiera del bike sharing è arrivata a Milano (a Firenze sarà attivo già da agosto). Si tratta del nuovo servizio di bike sharing a flusso libero, Mobike, un sistema totalmente automatizzato basato su un’app gratuita per smartphone che consentirà all’utente di visualizzare le bici disponibili (dotate di gps), prenotarle, sbloccarle a inizio utilizzo e bloccarle al termine. Prendere una bici in affitto avrà un costo di 30 centesimi ogni 30 minuti.

Queste bici non avranno delle rastrelliere dedicate ma saranno autobloccanti. Ci saranno però delle zone dedicate in alcuni punti di interesse, per il resto sarà possibile prendere e lasciare le bici nelle rastrelliere pubbliche.

Come funziona? L’utente scarica l’applicazione gratuita Mobike dall’Apple Store o da Google Play. Il passaggio successivo è la creazione di un account utilizzando il numero di cellulare a cui arriverà il codice di verifica da inserire per pagare il deposito cauzionale con carta di credito/debito a garanzia della copertura, almeno parziale, dei costi sostenuti in caso di comportamento inappropriato o vandalismo da parte dell’utente.

Sempre tramite l’APP si può consultare la mappa localizzando le biciclette più vicine. È possibile anche prenotare (massimo 15 minuti) semplicemente selezionando la bici e cliccando ”prenota”. Una volta individuato il mezzo, è sufficiente cliccare il pulsante ”sblocca” sull’APP e scansionando il QR code vicino al manubrio della bici il lucchetto si apre automaticamente.

MOTORI Mobike, il nuovo bike sharing di Milano arriva dalla Cina