Mobilità sostenibile: in arrivo 35 milioni

La mobilità sostenibile arriverà in Italia a settembre, quando verrà messo il bando dei progetti per facilitare e rendere più ecologici i viaggi dei pendolari

La mobilità sostenibile sarà finanziata in Italia con 35 milioni di euro, stanziati direttamente dallo Stato ai Comuni. Lo hanno rivelato il Ministro dell’Ambiente italiano, Galletti, e il Ministro per le Infrastrutture, Delrio, durante la II° Conferenza sulla Mobilità Sostenibile. L’evento si è svolto a Catania tra l’8 e il 9 luglio del 2016, dove i due rappresentanti del Governo italiano hanno annunciato l’investimento nei progetti casa-scuola e casa-lavoro per circa 35 milioni di euro. Si tratta di una cifra importante, in crescita rispetto alle stime degli anni precedenti. I bandi di gara verranno pubblicati già a partire dal mese di settembre del corrente anno.

A dicembre, il progetto di mobilità sostenibile italiana terminerà. Nonostante il Governo metta a disposizione dei Comuni i soldi necessari, finalizzati a una delle tante agevolazioni per i pendolari, resta comunque agli assessori comunali presentare i progetti utili a ricevere i fondi. L’unico problema del caso, stando a quanto riportato dalle parole dei due Ministri, è quello di muoversi per creare delle opportunità utili e prendere i fondi stanziati. Il progetto pensato, ha ottenuto dei riscontri positivi nella Conferenza Unificata e delle Commissioni Ambiente e Lavori Pubblici del Senato.

Il bando sarà reso pubblico dal Ministro dell’Ambiente italiano e verrà rivolto a tutti gli enti locali con una popolazione superiore ai 100.000 cittadini. I fondi stanziati dovranno essere utilizzati per finanziare le mobilità alternative di car-sharing, bike-sharing, bike-pooling, car-pooling e altre ancora. Finora queste iniziative, utili per migliorare il mondo dei trasporti, erano utilizzate prevalentemente nei Paesi anglo-sassoni e negli Stati europei come Francia, Olanda, Danimarca, Svizzera, Austria, Finlandia e Svezia.

Grazie all’iniziativa di mobilità sostenibile, da parte del Governo, verranno costruiti percorsi protetti tra i centri urbani e le scuole, su cui spostarsi camminando oppure con la bicicletta elettrica. Verranno allestiti vari programmi di educazione alla sicurezza stradale e alla diminuzione dell’inquinamento. Ne gioverà anche il livello di qualità della vita cittadina. Il progetto, necessariamente a lungo termine, ridurrà il numero di pendolari, oggi pari a 1.800.000, costretti a spostarsi con un’auto per raggiungere le città di studio o di lavoro. Il numero dei viaggiatori in bicicletta è già aumentato in modo considerevole in città come Firenze (+45%).

MOTORI Mobilità sostenibile: in arrivo 35 milioni