Hyundai IONIQ, l’auto green si fa in tre

Hyundai lancia la nuova IONIQ: "tre" passi avanti verso un mondo più green

Ora è ufficiale: nella battaglia contro l’inquinamento scende in campo una nuova eroina targata sud Corea che promette sin da subito di colpire forte e bene..lo smog. La Hyundai IONIQ infatti si presenta come una vera novità nel campo delle auto ibride di nuova generazione, e adesso vi spieghiamo il perché.

Sono ormai diversi anni che si parla di auto ibride, ma stavolta la Hyundai vuole fare di più. La multinazionale di Seul ha infatti deciso di creare tre modelli differenti della stessa auto amica dell’ambiente che potrebbero mettere in difficoltà le attuali super concorrenti già presenti sul mercato.

Il primo modello è equipaggiato con la motorizzazione classica ibrida: un motore da 1.6 litri benzina a cui si affianca un motore elettrico da 32 kW. Fin qui tutto bene, ma la novità sta nel modello ibrida plug-in (PHEV) che ci consentirà di ricaricare la nostra auto anche con la semplice presa di corrente di casa, o in alternativa, tramite le colonnine elettriche sempre più diffuse tra le vie delle nostre città.
Infine c’è il terzo modello 100% elettrico (BEV) che garantirà un’autonomia superiore a quella di alcuni degli esemplari ibridi che già circolano sulle nostre strade da diverso tempo.

Tutte le vetture saranno inoltre dotate dei più moderni sistemi di sicurezza come il sensore per il mantenimento corsia, quello per rilevare i punti ciechi e la frenata autonoma di emergenza, oltre ovviamente a ben 7 airbag (compreso quello per proteggere le ginocchia del guidatore) e, sempre in tema di tecnologia, lo staff della casa madre ha anche ideato un’app dedicata per controllare lo stato della vostra green car tramite smartphone.

Le versioni plug-in e 100% elettrica saranno disponibili sul mercato verso la fine del 2016, ma potremo andare ad ammirarle già alla loro presentazione che si terrà al Salone di Ginevra.

Quella dell’utilizzo di nuovi carburanti è una ricerca che molte case automobilistiche stanno effettuando in maniera sempre più decisa; la meta comune è quella di offrire ai propri clienti delle auto che inquinino poco (o nulla), senza però sacrificare troppo le prestazioni di guida: una sfida dura, ma non impossibile.
La Hyundai ci crede e noi vogliamo crederci insieme a lei, perché l’ambizioso obiettivo fissato dalla casa madre di piazzare entro il 2017 circa 77.000 IONIQ in tutto il mondo consentirà certamente un buon ritorno economico per l’azienda, ma ancor di più assicurerà un piccolo passo avanti verso un pianeta più vivibile, meno inquinato e più green..per tutti.

Immagini: Depositphotos

MOTORI Hyundai IONIQ, l’auto green si fa in tre