Dalla acque di scarto il nuovo carburante della Fiat Panda

Il biogas prodotto dalle fognature per alimentare il motore

Una Panda che viaggia con un carburante prodotto dai reflui fognari

L’ha realizzata Fca e sarà protagonista di una sperimentazione che durerà alcuni mesi. Le chiavi della Panda Natural Power sono state consegnate, al Motor Village di Torino, da Elisa Boscherini, responsabile relazioni istituzionali di Fca per l’area Emea, al presidente del gruppo Cap, Alessandro Russo.

La vettura sarà alimentata con il biometano prodotto dai reflui fognari trattati nell’impianto di Niguarda-Bresso, dove il Gruppo Cap sta trasformando i suoi depuratori in bio-raffinerie in grado di produrre ricchezza dalle acque di scarto.

In base agli studi di Gruppo Cap – che punta in tempi brevi ad aprire nel Milanese il primo distributore di biometano a km zero – si stima che il solo depuratore di Bresso potrebbe arrivare a produrre quasi 342 mila chilogrammi di biometano, sufficienti ad alimentare 416 veicoli per 20 mila chilometri all’anno: oltre 8 milioni 300 mila chilometri, equivalenti a oltre duecento volte la circonferenza della Terra.

MOTORI Dalla acque di scarto il nuovo carburante della Fiat Panda