Dalla acque di scarto il nuovo carburante della Fiat Panda

Il biogas prodotto dalle fognature per alimentare il motore

Una Panda che viaggia con un carburante prodotto dai reflui fognari.

Il progetto sarà illustrato in questi giorni a Cagliari al meeting “Nice to Meet You G7!” dove vengono presentati progetti innovativi che hanno l’obiettivo di raccontare il meglio della sostenibilità e dell’eccellenza della tecnica nel settore dei trasporti nel nostro Paese.

Questo progetto prevede che una Fiat Panda Natural Power percorra 80 mila chilometri nell’arco di alcuni mesi utilizzando come carburante il biometano prodotto dal Gruppo CAP a partire da fanghi di depurazione e acque reflue, con rifornimento presso il depuratore di Bresso-Niguarda (Milano), dove sta per nascere il primo distributore italiano di biometano a km zero.

In base agli studi di Gruppo Cap – che punta in tempi brevi ad aprire nel Milanese il primo distributore di biometano a km zero – si stima che il solo depuratore di Bresso potrebbe arrivare a produrre quasi 342 mila chilogrammi di biometano, sufficienti ad alimentare 416 veicoli per 20 mila chilometri all’anno: oltre 8 milioni 300 mila chilometri, equivalenti a oltre duecento volte la circonferenza della Terra.

MOTORI Dalla acque di scarto il nuovo carburante della Fiat Panda