Camion come filobus: alla scoperta della prima strada elettrica

In Svezia è prossimo alla realizzazione un innovativo esperimento di strada elettrica per camion

Camion come filobus: è questa la ratio alla base del progetto che si sta per perfezionando sull’autostrada E16 che affianca la città di Gävle nella Svezia centrale. Manca infatti ormai poco al posizionamento completo delle linee dell’alta tensione lungo i due chilometri della strada elettrica scandinava e tutto sarà poi pronto per il primo percorso di prova degli autocarri Scania.

Il progetto, che punta ad una sostituzione quasi completa del trasporto su gomma alimentato a caburante di origine fossile con quello legato all’energia elettrica, è basato su una tecnologia definita trasmissione elettrica conduttiva, sviluppata da Siemens in collaborazione con Scania fin dal 2013.

Ogni autocarro inserito in questo progetto riceverà energia elettrica attraverso il pantografo, un collettore di elettricità montato sul telaio dietro la cabina. Il pantografo sarà a sua volta collegato alla struttura di linee di corrente posta sulla corsia destra della strada elettrica. Al fine di garantire il massimo livello di flessibilità, i veicoli saranno inoltre equipaggiati con catene cinematiche ibride sviluppate da Scania.

“Se tutto dovesse andare come programmato, potremmo presto vedere più corsie elettriche, principalmente sulle autostrade o in zone normalmente molto trafficate – afferma Christer Thoréen, della Scania’s Hybrid Systems Development unit -. In Germania, l’interesse per l’implementazione di questo tipo di tecnologia sulle autostrade è molto alto. Inoltre, l’opinione generale è che le corsie elettriche contribuiranno a ridurre molte delle emissioni fossili attualmente prodotte”.

Uno dei vantaggi del sistema risiede nel fatto che permette ai mezzi pesanti di operare come veicoli elettrici quando viaggiano lungo la strada elettrica, e come normali veicoli ibridi su strade standard. Al di fuori della corsia alimentata a energia elettrica, infatti, il pantografo viene disconnesso e il camion funziona o per mezzo del motore a combustione fossile o, in alternativa, attraverso il motore elettrico alimentato a batteria. Lo stesso sistema si applica anche quando si vuole superare un altro veicolo mentre si sta viaggiando sulla strada elettrica.

“Durante il sorpasso, il pantografo viene disconnesso e si può guidare il camion come un normale ibrido – afferma Thorén – Una volta superato il veicolo, è sufficiente rientrare nella corsia e automaticamente il pantografo si riconnette, permettendo di riutilizzare l’energia elettrica”.

I vantaggi ecologici del nuovo sistema di strade elettriche? Potenzialmente notevoli: secondo gli studi, infatti, livello di inquinamento, un mezzo “verde” è in grado di ridurre le emissioni di combustibile fossile dell’80 – 90% e il consumo di energia di oltre il 50%.

MOTORI Camion come filobus: alla scoperta della prima strada elettrica