In Russia arriva il taxi che si guida da solo

In Russia è stato presentato il taxi che si guida da solo e che riconosce le strade proprio come un autista umano

in russia arriva il taxi che si guida da solo

Fonte: Publika.MD

 

In Russia è stato presentato in questi giorni il primo taxi che si guida da solo. Si tratta di un piccolo pulmino, in grado di ospitare diversi passeggeri, che si muove senza l’ausilio di un guidatore. Il taxi è stato messo a punta da alcuni ingegneri russi, che l’hanno progettato e ideato per portarlo sul mercato nell’anno 2020. Il veicolo funziona grazie ad un complesso sistema di telecamere e ad un software che imita il movimento dell’occhio umano. In questo modo il taxi può muoversi facilmente sulle strade della città senza alcun pericolo. “Le telecamere sono connesse ad un computer che è in grado di analizzare le immagini – ha spiegato l’ingegnere Danil Lisutkin -. La macchina capisce quindi dove si trova e cosa vede davanti a sè”.

Il veicolo può raggiungere una velocità di 30 km orari e ha un’autonomia di 100 km. In attesa di vederlo finalmente circolare sulle strade sono state ideate due nuove versioni: la prima è un pulman che potrà trasportare sino a 12 persone, la seconda è una vettura cargo per il transito delle merci. Il taxi driveless non è una novità. Un veicolo simile era stato presentato qualche tempo fa a Singapore. Si tratta di NuTonomy, un’auto realizzata da una startup nata nel MIT di Boston, che punta a portare sulla strada entro il 2018 diversi mezzi senza persone al volante.

Completamente autonomo e robotizzato, questo taxi è stato testato nel distretto commerciale della cittadina di One North. Qui i cittadini possono richiedere una corsa gratuita su NuTonomy, prenotandola tramite un’applicazione. I viaggi però sono limitati ad un’area di 2,5 chilometri e a bordo di ogni auto è presente un ingegnere della società, per assicurare il comfort e la sicurezza dei passeggeri in caso di problemi.

Qualche tempo fa il taxi senza guidatore di Singapore era finito al centro delle polemiche, dopo aver provocato un incidente. Il progresso però non si ferma e l’arrivo del nuovo veicolo presentato a Mosca dimostra che il futuro è la guida automatica senza l’ausilio di persone.

MOTORI In Russia arriva il taxi che si guida da solo