Scozia, arriva la benzina che si fa con il whisky

In Scozia è stata inventata la benzina che si produce con il whisky e nel 2019 verrà aperta la prima pompa di benzina

L’ultima novità in tema di carburanti arriva dalla Scozia, dove è stata ideata la prima benzina fatta con il whisky, sostenibile e soprattutto economica. L’idea è nata grazie alla Celtic Renewables – società che da anni lavora con l’Università di Edimburgo – in collaborazione con la Tullibardine Distillery, celebre distilleria del Perthshire.

“Quello che abbiamo sviluppato è stato un processo per combinare le diverse parti degli scarti derivanti dalla produzione del whisky – ha spiegato Martin Tangney, presidente della Celtic Renewables -. Attraverso il processo di fermentazione ABE (Acetone, Butanolo, Etanolo) si ottiene la sostanza chimica chiamata biobutanolo”.

I vantaggi che derivano da questa invenzione sono innumerevoli. Per prima cosa si tratta di energia pulita, che potrebbe evitare l’uso dei classici carburanti, da sempre considerati dannosi per l’ambiente. Non solo: il cambiamento non richiederebbe modifiche al motore del veicolo, tanto che un primo test drive è stato già effettuato, con ottimi risultati, su una Ford Focus. Infine l’utilizzo della benzina ricavata dal whisky porterebbe anche vantaggi economici. Basti pensare che ogni anno la Scozia produce 750mila tonnellate di noccioli di orzo e 2 miliardi di litri di residui delle distillerie. Gli scarti del settore in questo modo potrebbero essere riciclati, consentendo guadagni notevoli, creando introiti pari a circa 100 milioni di sterline e un settore totalmente nuovo.

Proprio per questo il progetto presentato dalla Celtic Renewables ha già ottenuto il plauso della comunità scientifica e una corposa sovvenzione pubblica del valore di 9 milioni di sterline. Il prossimo obiettivo infatti è quello di realizzare un gigantesco impianto commerciale per il biobutanolo. La pompa di biofuel sorgerà a Grangemouth, una cittadina che dista 40 chilometri da Edimburgo, e sarà inaugurata nel 2019. Il futuro delle auto dunque sembra essere orientato sempre di più verso carburanti green e il whisky, per gli esperti, rappresenta un’ottima soluzione.

MOTORI Scozia, arriva la benzina che si fa con il whisky