Willie, l’autobus con maxi-schermi per la pubblicità. Foto

Un giovane designer inventa un bus con schermi LCD per proiettare spot o piante stradali

Avete presente i giornali del film Harry Potter, quelli con le foto che si animano?

C’è un autobus che in qualche modo gli somiglia: si chiama Willie ed è stato ideato dal designer Tad Orlowski, convinto che una proposta simile sarà in grado di trasformare in modo molto forte ogni tipo di paesaggio urbano.

Oggi la tecnologia permette di ottenere degli schermi LCD trasparenti e molto sottili: potranno essere utilizzati prossimamente per dispositivi come i lettori di giornali elettronici con testi in movimento, in effetti, ma potrebbero anche avere altre applicazioni.

Al designer è venuta così l’idea di disegnare un lungo bus, dalla struttura composta da una gabbia semplicissima e di impianto tradizionale, ma con fiancate e coda in grado di ospitare degli enormi schermi, anche nelle portiere.

Essendo trasparenti, la visibilità esterna sarebbe assicurata, e su questi schermi possono essere "proiettate" immagini di qualsiasi genere, cambiando di fatto la decorazione del bus.

In teoria, un sistema simile potrebbe essere utilizzato per cambiare colorazioni, o per disegnare forme particolari, variabili anche nel corso della giornata, o anche per mostrare foto caratteristiche della località in cui ci si trova.

Però, considerando come sono utilizzate le attuali fiancate dei bus odierni, si immagina un doppio utilizzo principale: piante e indicazioni stradali dei percorsi, con indicazioni visibili attraverso elenchi sulle portiere durante le fermate, oppure grandi pannelli pubblicitari, anche in forma di video in movimento.

Questo genere di pubblicità è particolarmente suggestiva durante le ore notturne, ed effettivamente potrebbe dare una nuova immagine ai contesti urbani del futuro, anche con situazioni studiate appositamente per le forme e dimensioni degli schermi.

I dubbi sono soltanto due: la possibile fonte di distrazione troppo forte per gli altri automobilisti, e i rischi di una struttura apparentemente priva di finestrini per i passeggeri. Sono questioni che potrebbero essere valutate in caso di eventuale realizzazione: per ora Willie è solo un’idea, e a parlare è soltanto la fantasia.

(a cura di OmniAuto.it)


 

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Willie, l’autobus con maxi-schermi per la pubblicità. Foto