Volvo Concept Coupé: l’auto di Simon Templar è tornata. Foto

A Francoforte Volvo presenta una coupé ibrida che anticipa forme e soluzioni tecnologiche che vedremo nelle prossime auto della casa

Qualcuno forse ricorderà la Volvo P1800, grazie alla fortunata serie televisiva "Il Santo", con Roger Moore nel ruolo di Simon Templar. Questa storica coupé svedese diventa ora il punto di riferimento per una nuova concept car, che Volvo presenta al Salone di Francoforte (12-22 settembre), e che prende il nome di Volvo Concept Coupé.

Ispirata al passato, ma con uno sguardo al futuro: si tratta infatti della opera prima del nuovo responsabile del design del marchio Volvo, Thomas Ingenlath, e prefigura le forme delle prossime auto del marchio svedese, oggi di proprietà della cinese Geely. Su questa stessa piattaforma, denominata SPA (Architettura di Prodotto Scalabile), Volvo realizzerà poi altre due concept car, per verificare il nuovo linguaggio stilistico su altri tipi di automobile; la prossima auto di serie che mostrerà ufficialmente questo nuovo design sarà invece la SUV XC90, attesa per l’anno prossimo.

Ma in cosa consiste questo particolare modo "scandinavo" di disegnare le auto? Nella Concept Coupé convivono elementi di design razionalisti, con un’eleganza priva di eccessi, e soluzioni che suggeriscono dinamismo e sportività: la distanza tra le ruote anteriori e il parabrezza con cofano lungo, i cerchi di grandi dimensioni (21 pollici) con parafanghi evidenti, il tetto ribassato, le linee fluide e aerodinamiche che piegano ad arco verso la coda.

Un altro elemento distintivo è il frontale, che sembra sospeso sulle piccole "ali" inferiori, e dotato di luci a LED a forme di T: proprio sul frontale si gioca la definizione dell’immagine delle future Volvo, che però è ancora in corso di studio.

La coda, alta e aerodinamica ma dal design semplice e geometrico, propone singolari luci a LED avvolgenti a forma di C, mentre gli interni mostrano sedili avvolgenti e sottili, una fascia che circonda gli occupanti fino alla plancia, rivestita in pelle e con inserti in legno e metallo, e una moderna strumentazione con un grande schermo digitale disposto al centro. Tra le altre particolarità, la tinta grigio blu esterna ripresa anche internamente e la leva del cambio con inserti in cristallo.

Quanto al motore, la Volvo Concpet Coupé è una ibrida plug-in con una potenza complessiva di circa 400 CV e oltre 600 Nm di coppia; la sua modalità di guida è tradizionale, ma è dotata di molti automatismi che, con le opportune evoluzioni, saranno integrati nell’auto a guida completamente automatica, prevista da Volvo nel 2020.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Volvo Concept Coupé: l’auto di Simon Templar è tornata. F...