Nuova Suzuki Swift: lo spazio aumenta, i consumi no

Arriva nelle concessionarie italiane la nuova Suzuki Swift, alleggerita e più spaziosa grazie all'inedita piattaforma Heartect

Dopo la presentazione ufficiale all’ultimo Salone di Ginevra, arriva sul mercato italiano la nuova Suzuki Swift: forte dei 5 milioni di esemplari venduti dal primo lancio avvenuto 13 anni fa, il modello di segmento B della casa di Hamamatsu punta a confermare gli ottimi risultati ottenuti, sfidando rivali accreditate, dalla Volkswagen Polo alla Ford Fiesta, dalla Seat Ibiza alla Nissan Micra.

Più corta (1cm), più larga (4 cm) e più bassa (1,5 cm) rispetto al modello precedente, la nuova Swift ha un design ‘bombato’ specialmente sulla parte frontale e sul posteriore per un look più sportivo. Soprattutto, grazie alla nuova piattaforma Heartect, ha una struttura più rigida che favorisce la guida e le fa risparmiare sul peso (fino a meno 120 kg per un totale a secco di 840 kg) e guadagnare spazio all’interno, con il bagagliaio che vede incrementare la sua capacità da 211 a 265 litri.

Quattro i motori a disposizione, con apprezzabile contenimento di consumi rispetto alla versione precedenti, complice il sopracitato ‘alleggerimento’ del modello: si va dal benzina 1.2 DualJet da 90 cv, il 1.2 DualJet Hybrid, il 1.0 BoosterJet Hybrid e 1.0 BoosterJet tre cilindri, con cambio automatico a 6 rapporti con convertitore di coppia. In arrivo a settembre anche la 4WD Allgrip per chi vuole la trazione integrale.

Quattro pure gli allestimenti Easy, Cool, Top Hybrid e S, con la versione ‘base’ che offre di serie display integrato al computer di bordo, climatizzatore manuale, radio CD MP3 con Bluetooth USB/AUX con comandi al volante, luci diurne DRL a LED, sensore crepuscolare, fari con funzione “accompagnami”, specchietti riscaldabili e regolabili elettricamente, sedili posteriori abbattibili 60:40 e frenata assistita. Salendo di allestimento, si arricchisce particolarmente il pacchetto dei sistemi di sicurezza e assistenza, che prevedono pure il Cruise Control Adattativo (ACC), il rilevamento frontale “attentofrena”, ora potenziato grazie all’utilizzo combinato di una camera monoculare e di un radar (D.S.B.S.) che svolge funzioni avanzate tra cui la frenata automatica d’emergenza.

Detto che su internet era già partita la vendita della speciale Web Limited Edition, acquistabile solo online e disponibile in appena 10 esemplari, la nuova Swift è ora disponibile anche nelle concessionarie con listino prezzi che parte dai 13.990 euro della versione 1.2 DualJet Easy. Fino al 30 giugno si potrà però approfittare di un’offerta lancio che ‘sconta’ 3.040 euro portando il prezzo della versione d’accesso a 10.950 euro chiavi in mano (escluse IPT e vernice metallizzata)

Sempre entro il 30 giugno, infine, Suzuki propone la serie speciale Cool Launch Edition, equipaggiata da uno specifico launch pack del valore di 1.020 euro che comprende rispetto alla ‘Cool’ standard anche griglia a nido d’ape con profilo rosso, blu o chrome, finiture interne in rosso, silver o piano black, bracciolo centrale anteriore, portaoggetti, sensori di parcheggio posteriori e tappetino antiscivolo per smartphone nella consolle centrale ad un prezzo di 12.650 chiavi in mano (escluse IPT e vernice metallizzata), con un risparmio di oltre 3.300 euro.

MOTORI Nuova Suzuki Swift: lo spazio aumenta, i consumi no