Nuova Range Rover Sport, il test del SUV inglese che “sa guidare”

Ecco la prova in anteprima della nuova versione di una delle auto più alla moda presenti sul mercato

E’ una pista da sogno, quella in cui a Gaydon, in Inghilterra, gli ingegneri e i collaudatori provano tutte le Aston Martin, le Jaguar e le Land Rover per la messa a punto. E non a caso iniziamo a parlare dell’esperienza di guida della nuova Range Rover Sport da un tracciato, perché al di là del nome il nuovo SUV inglese ha l’obiettivo dichiarato di essere la Range più dinamica di sempre. A iniziare dalla riduzione di peso di 420 kg che ha già interessato la nuova Range Rover, da cui eredita una monoscocca interamente in alluminio. L’esemplare che abbiamo provato è un prototipo di pre-serie, come sottolineano i collaudatori. Ma non per questo il nostro primo test drive non è stato al di sotto delle aspettative.

Gli adesivi che campeggiano sulla carrozzeria delle vetture pronte ad essere guidate svelano una delle principali novità della nuova Range Rover Sport: il differenziale posteriore autobloccante elettronico chiamato Rear E-Diff. Un dettaglio da vera auto sportiva, che previene gli slittamenti della ruota interna alla curva per garantire la migliore motricità possibile. Rispetto alla nuova Range Rover la Sport cambia per il 75%, che non è poco. E infatti la differenza si avverte subito nell’agilità della Sport, che impressiona se si pensa all’altezza da terra e a quale altezza e all’inerzia che le oltre due tonnellate di peso – nonostante l’alleggerimento – dovrebbero manifestare nei cambi di direzione. Il tracciato di prova ci mette di fronte anche a una pavimentazione sconnessa che ha messo in evidenza i miglioramenti rispetto al modello uscente (venduto in 400.000 esemplari dal 2005 ad oggi) in termini di risposta delle sospensioni.

Ci mette lo zampino anche la funzione Torque Vectoring messa in atto dai controlli elettronici della dinamica del veicolo. Il principio di funzionamento è simile a quello di un cingolato: ripartendo la coppia sulle ruote esterne l’auto “gira” con più facilità riducendo al minimo il sottosterzo, cioè l’attitudine ad allargare la traiettoria con le ruote anteriori. In pratica tutto si traduce nel mirare con lo sguardo il punto di corda e raggiungerlo con una minima rotazione del volante, come se lo sterzo non avesse a che fare con il rollio di questo SUV inglese. Il coricamento non è azzerato ma comunque molto limitato e, soprattutto, abbinato alla scelta di non irrigidire troppo le sospensioni, nemmeno in modalità Sport. D’altronde stiamo pur sempre parlando di una Range Rover, che non può prescindere dal comfort. Ma un assetto capace di copiare le irregolarità stradali anziché saltarci sopra offre una guida precisa.

Una piccola rinuncia alle più recenti tradizioni del marchio emerge al momento di azionare il selettore del cambio, non più realizzato con un selettore rotante ma di nuovo affidato a una classica leva. Il tutto a sottolineare l’attenzione nei confronti di chi guida della nuova Range Rover Sport, perché tirando la suddetta leva si sale di rapporto, spingendola si scalano le marce. Molto più “sportivo” che ruotare una manopola come si farebbe con i comandi del climatizzatore. La trasmissione è un 8 rapporti della ZF ottimamente accoppiato alla gestione elettronica, sviluppata da Land Rover, per la guida sportiva. Ci riserviamo di dare un giudizio agli altri programmi di guida nella prossima prova su strade aperte, ma al limite i cambi marcia sono rapidissimi sia nel salire che nello scendere di rapporto, sia che si usi la leva sia che si metta mano ai paddle dietro al volante.

E sotto il cofano? A far urlare la “nostra” Range Rover Sport ci ha pensato il poderoso V8 a benzina da 5 litri di cilindrata sovralimentato con compressore volumetrico. Oltre al sound spettacolare ci sono 510 CV e più di 625 Nm ci coppia, per una spinta mastodontica da 1.000 a 4.000 giri che diventa rabbiosa fino a 6.500, limite che in realtà si potrebbe superare, con pochi benefici però in termini di prestazioni.

(a cura di OmniAuto.it)

MOTORI Nuova Range Rover Sport, il test del SUV inglese che “sa gu...