Prova su strada di Mazda MX-5 (Auto Mondiale dell’anno 2016)

La nostra prova su strada e le nostre impressioni di guida di Mazda MX 5 che è stata votata 'Auto Mondiale dell'anno 2016'

Abbiamo provato su strada nel nostro test drive la Mazda MX 5. Una leggenda che dura da 27 anni: nata nel 1989, la Mazda MX-5, per tanti appassionati semplicemente Miata dal nome con cui è venduta negli Stati Uniti, è ormai arrivata alla quarta generazione e non dimostra assolutamente la sua età. A confermarlo sia il successo commerciale che i tanti premi conquistati anche dall’ultima versione della roadster Made in Japan che più avanti nell’articolo potrete leggere.

Dicevamo del test drive. Al di là degli aspetti tecnici è opportuno parlare delle emozioni che da questa auto. Una vera leggenda; è un po’ come trovarsi in un videogioco come GTA e un po’ come fare la passerella sulle strade di Saint Tropez. Davvero magica e goduriosa da guidare grazie anche alla trazione posteriore. Due posti secchi con tanto glamour e grinta, che per quel che ci riguarda sono una combinazione vincente. L’abbiamo provata in città, in autostrada e sulle colline toscane e questa auto ci ha soddisfatto. Note negative sono il bagagliaio non proprio generosissimo e la visuale posteriore con capote chiusa in caso di retromarcia.

Tornando ai premi. Da una parte le vendite che, come si dice, non mentono, tanto da essere quadruplicate nel quarto trimestre del 2015.

Dall’altra parte c’è la serie di riconoscimenti conquistati dalla ‘Miata’, tra cui premio ‘Red Dot Design – Best of the Best’, miglior spider secondo il magazine specializzato “What car?”, inserimento nella “Top 100 cars” del 2016 secondo l’autorevole Sunday Times, dove è risultata la miglior roadster due posti davanti a rivali accreditate come Jaguar, Ferrari e Porsche e podio al concorso mondiale “Auto dell’anno 2016”. A completare la lista, ‘dulcis in fundo’, ecco la ‘doppietta’ di premi ricevuti al Salone di New York come “World Car of the Year 2016″ e “World Car Design of the Year“, in pratica la miglior auto al mondo e quella con il miglior design al mondo nel 2016.

Come sono stati ottenuti questi risultati? Unendo una tradizione anche estetica che ha reso la Miata una delle roadster più amate e vendute di sempre, grazie al tipico musetto e alla linea filante, all’innovazione, che ne ha accresciuto le qualità tecniche grazie all’utilizzo della tecnologia SKYACTIV e della cosiddetta ‘strategia del grammo’.

Per quanto riguarda il motore si è puntato sull’unità ad iniezione diretta di benzina SKYACTIV-G appositamente adattata, collocata in posizione anteriore centrale e in senso longitudinale. La trazione scelta è stata quella posteriore con la trasmissione rigorosamente manuale ma di nuova concezione e si è arrivati ad una distribuzione dei pesi di 50:50 fra assale anteriore e posteriore

I pesi appunto, con la sopracitata ‘strategia del grammo’, un certosino lavoro di alleggerimento di tutte le componenti principali della vettura che – complice l’utilizzo di materiali poco pesanti come l’alluminio -ha portato la MX-5 a restare sotto la soglia dei 1000 km.

Alla voce innovazione, infine, c’è da ricordare pure il nuovo sistema di interfaccia uomo-macchina (HMI) Mazda di ultima generazione e quello di infotainment MZD Connect per la connettività a bordo, il tutto sempre in piena sicurezza.

MOTORI Prova su strada di Mazda MX-5 (Auto Mondiale dell’anno 2016...