Honda MC-b concept: l’auto-scooter elettrica alla giapponese. Foto

Una biposto agile, simile alla Renault Twizy, adatta al traffico cittadino

I futuro delle città? Il traffico delle grandi metropoli continua ad essere un problema, soprattutto nelle ore di punta, con tantissimo tempo utilizzato in auto, e in coda. E, a seguire, l’affannosa ricerca di un parcheggio. In Giappone lo sanno bene: da tempo, a livello governativo, hanno previsto particolari agevolazioni per una categoria di auto urbane dalle precise caratteristiche di dimensioni e cilindrata, e le case si sono sbizzarrite per creare, in quest’ambito, le auto più fantasiose.

Ora è il momento di passaggio alla motorizzazione elettrica, e si sta studiando una nuova categoria a metà strada tra un’auto e uno scooter. Categoria che, a livello tecnico, conosciamo già in Europa: è quella della Renault Twizy, elettrica a due posti in tandem, come in uno scooter, ma con quattro ruote, volante e un abitacolo, per quanto spartano.

Honda è ormai pronta a realizzare un veicolo simile, che porta il curioso nome di MC-β (Micro Commuter-Beta). Ha un abitacolo dalla forma a uovo, e con una curiosa mascherina nera, all’altezza degli specchietti, che riprende quella delle altre Honda. Il parabrezza è incurvato, per offrire meno resistenza all’aria, la finestratura è ampia, e dietro, al contrario della Twizy, c’è un lunotto vetrato.

Le piccole ruote sono alle estremità, per garantire la migliore tenuta di strada ma anche per lasciare spazio nell’abitacolo; il tutto, però, è integrato nel corpo vettura, compresi i parafanghi sporgenti. Le misure permettono di spostarsi agevolmente nel traffico e di parcheggiare con facilità, grazie a una lunghezza di poco inferiore ai 2 metri e mezzo e una larghezza di 1.280 mm.

Quanto alle prestazioni, sono adatte per un utilizzo nelle città: la velocità massima è di oltre 70 km/h, mentre il pieno di energia elettrica consente di percorrere oltre 80 km. Quindi, per ricaricare le batterie agli ioni di litio occorrono meno di tre ore con la corrente a 200 V, o meno di sette nei paesi con prese a 100 V. Non manca molto alla produzione in serie, almeno in Giappone: i test stradali sono già iniziati in questo mese.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Honda MC-b concept: l’auto-scooter elettrica alla giapponese.&nb...