Dalla mafia ai ghisa: Ferrari 458 Spider simbolo di legalità

La 458 Spider requisita alla mafia diventerà simbolo di legalità e strumento per l’educazione stradale e civica

Dalla mafia ai ghisa: Ferrari 458 Spider simbolo di legalità

Fonte: Facebook

Una Ferrari 458 Spider entrerà a far parte del parco auto dei ghisa, la Polizia Locale di Milano e sarà protagonista di numerosi progetti di educazione alla legalità. La vettura sportiva, messa in stato di confisca nel settembre del 2015 è stata affidata ai ghisa grazie alle leggi antimafia che stabiliscono la confisca di beni mobili sequestrati e il loro affido tramite Tribunale in custodia giudiziale agli organi quali Polizia e Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che ne facciano espressamente richiesta.

Nel corso dell’anno i ghisa, affettuosamente appellati così, incontrano oltre 55 mila ragazzi per progetti volti all’educazione stradale e civica: in alcuni particolari eventi la Ferrari 458 sarà protagonista e sarà impiegata per far capire ai più giovani che il crimine non paga e che lo Stato rientra in possesso di quei beni ottenuti con attività criminali. Il comandante Antonio Barbato ha commentato: “Ora la Ferrari è pronta a diventare un simbolo di legalità e a mettersi al servizio della comunità; E’ stata assegnata al nostro corpo per progetti di educazione ai giovani”.

La revisione dell’auto è stata affidata all’officina Rossocorsa, anche concessionaria ufficiale Ferrari e Maserati, dove nonostante i pochi chilometri percorsi dalla sportiva, ha provveduto ad una revisione generale e ad un accurato controllo e ripristino dell’impianto frenante. Successivamente la sportiva è stata trasportata alla carrozzeria Marrazzi a Caronno Pertusella, specializzata nell’allestimento dei mezzi per le forze dell’ordine dove ha ricevuto sia la tipica livrea sia tutte le modifiche relative al nuovo impiego come i lampeggianti.

In base alle stesse norme che hanno permesso alla Ferrari 458 di entrare a far parte in pianta stabile del parco auto in dotazione ai ghisa, la Polizia locale di Milano si è dotata di altre 29 vetture e 3 motociclette. Tutti i veicoli “reintegrati” per scopi più nobili sono utilizzati per le normali attività quotidiane; attualmente il patrimonio dei beni confiscati e trasferiti al Comune di Milano ammonta a 172 unità immobiliari, di cui 163 sono già state assegnate e 9 saranno presto acquisite.

MOTORI Dalla mafia ai ghisa: Ferrari 458 Spider simbolo di legalità