Cos’è il Foglio Unico di Circolazione e quando entrerà in vigore

Scopriamo cos'è il nuovo Foglio Unico di Circolazione e quando entrerà in vigore in Italia

Dal 1 luglio 2018 entrerà in vigore il Foglio Unico di Circolazione che sostituirà il certificato di proprietà e il libretto di circolazione. Ciò significa che i due documenti principali per autoveicoli, motoveicoli e rimorchi verranno sostituiti da un unico foglio, come proposto da Maria Anna Madia, Ministra per la semplificazione e la pubblica amministrazione, e da Graziano Delrio, Ministro dei trasporti. Il governo ha infatti dato il suo sì definitivo al decreto legislativo che ha come obiettivo quello di razionalizzare la gestione dei dati di proprietà e di circolazione nell’ambito della riforma della Pubblica Amministrazione,

Il Foglio Unico di Circolazione dunque andrà a sostituire due documenti che gli automobilisti conoscono bene: il certificato di proprietà del veicolo, che è di competenza dell’Aci, ed il libretto di circolazione, che viene prodotto dalla Motorizzazione civile. La manovra partirà dal 1 luglio 2018 e consentirà di ridurre i costi di produzione, controllo e archiviazione da parte dell’amministrazione. Tutte le carte di circolazione e i certificati di proprietà che saranno già stati emessi nella data di entrata in vigore del Foglio Unico di Circolazione avranno validità sino alla loro scadenza. Il documento unico corrisponderà, come spiegato dal ministro Madia, ad una tariffa unica, che andrà a sostituire i diritti di Motorizzazione e i pagamenti per l’iscrizione del veicolo al PRA, il Pubblico Registro Automobilistico.

Gli automobilisti dunque dovranno pagare due bolli anziché quattro spendendo 32 euro invece che 62. Questo perché sarà la stessa ACI a dover consultare la banca dati della Motorizzazione civile. La tariffa da pagare verrà invece ridotta da 37 a 30 euro. Non è invece passata la proposta per unificare in una sola agenzia il Pubblico Registro Automobilistico (PRA) che viene gestito dall’ACI e la Motorizzazione, a causa di proteste e polemiche da parte del personale.

“Avevo preso questo impegno due anni fa. Mantenuto – ha spiegato Riccardo Nencini, viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti -. Un solo documento per l’auto al posto dei due attuali (Aci e Motorizzazione) – responsabile ne sarà il Ministero – e un risparmio di 39 euro per i cittadini”.

MOTORI Cos’è il Foglio Unico di Circolazione e quando entrerà in ...