BMW M4 Coupé Concept, l’erede della rabbiosa e amata M3. Foto

La versione più sportiva della Serie 4 ha fatto bella mostra di sè in occasione del concorso di eleganza di Pebble Beach catturando sguardi e attenzioni

Ci sono auto che entrano prepotentemente nel cuore degli appassionati: una di queste è la famosa BMW M3 che dal 1985 è tra le vetture sportive più apprezzate dal grande pubblico grazie doti di equilibrio, potenza e bilanciamento dei pesi (compresa la classica trazione posteriore) che ne hanno decretato il successo.

Dopo quattro modelli (rispettivamente E30, E36, E46 ed E90) non ci sarà più una erede che seguirà la sigla M3, ma si passerà alla denominazione M4. Infatti la novità in casa BMW è l’entrata in produzione della serie 4 di cui la nuova M sarà la versione più sportiva ed aggressiva.

Nonostante non siano stati resi noti alcuni dati sull’auto, a parte la misura dei cerchi che sarà da 20”, non è difficile ipotizzare che la nuova sportiva tedesca avrà soluzioni di derivazione F1, come nel caso dell’ultima versione M3 E90 che abbandonato il pluricollaudato schema a sei cilindri in linea per un più importante 8 cilindri a V.

La prima apparizione pubblica della BMW M4 Coupè Concept è avvenuta in occasione del concosrso di eleganza di Pebble Beach dove la coupè ha messo in mostra muscoli e aggressività: all’anteriore il parafango esalta i profili e le linee, con griglia a nido d’ape nella parte inferiore e disegno “a branchia” per quele superiori. Lo splitter posizionato ell’estremità inferiore imprime un look racing, mentre il badge “M4” regna incontrastato nella griglia con il simbolo del reparto sportivo nella classica colorazione azzurro, blu e rosso.

Lateralmente spiccano gli enormi cerchi da a 10 razze da 20” che calzano pneumatici Michelin 255/30 ZR 20 e nascondono enormi dischi con pinze arancioni con il logo “M”, mentre all’altezza del montante anteriore una feritoia aiuta la fuoriuscita di aria calda proveniente dal motore.

Le minigonne abbassano il profilo dell’auto, e gli specchietti retrovisori con disegno inedito sottolineano l’attenzione per ogni particolare di questa piccola belva. Il posteriore è da sempre una delle zone dove il lavoro della divisione M GmbH di BMW si fa più sentire: il disegno del parafango è volutajmente sportivo e riprende quanto visto nell’ultima M3, con deflettore centrale ad accogliere i quattro scarichi tipici dei modelli M.

Sulla M4 Concept è stato fatto largo uso di carbonio che è presente nel tetto, splitter anteriore, deflettore posteriore e elementi che coprono i terminali dell’impianto di scarico.

In attesa della presentaizone ufficiale il reparto sportivo si sta preparando alla gara DTM sul tracciato del Nürburgring con un entusiasmo che trapela dai piani alti del marchio dell’elica: lo stesso direttore di BMW Motorsport Jens Marquardt ha infatti dichiarato: “Siamo impazienti di realizzare la BMW M4 DTM visto che già il look della BMW M4 Coupé è fantastico. E la nostra vettura DTM per la prossima stagione non sarà da meno. La BMW M3 DTM ha vinto il titolo al primo tentativo nel 2012 e ovviamente vogliamo bissare questo successo con la sua erede”.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI BMW M4 Coupé Concept, l’erede della rabbiosa e amata M3. F...