Test Porsche Panamera S E-Hybrid, grinta a emissioni zero. Foto

Una sfida al consumo più basso tra le salite dei Colli Euganei, in provincia di Padova

Il binomio ibrida plug-in e Porsche è qualcosa di entusiasmante, soprattutto se ad intrecciarsi sono un sistema che è il presente e il futuro prossimo dell’auto e la natura sportiva del marchio tedesco. Il test speciale della Porsche Panamera S E-Hybrid ha avuto luogo su di un anello stradale di circa 80 km che da Padova porta sui Colli Euganei, un percorso piuttosto trafficato e misto, ideale per testare le vere doti di questa 416 CV che può raggiungere i 270 km/h.

Il grande motore elettrico, posto fra il motore a benzina 3.0 V6 volumetrico e il cambio automatico a 8 rapporti ZF, permette di fornire 95 CV e 310 Nm per la sola trazione elettrica, mentre la funzione “boost” può concedere la massima spinta o diventare generatore per ricaricare le batterie agli ioni di litio, per la cui carica massima ci vogliono dalle 2,5 ore alle 4 ore. Il Charger di bordo ha la possibilità di utilizzare varie prese dalla "schuko" all’industriale trifase, mentre un apposito timer permette anche di programmare la ricarica degli accumulatori negli orari notturni.

La Porsche Panamera S E-Hybrid del test è quasi full optional con cerchi da 20" RS Spyder Design, climatizzatore quadrizona e cruise control adattivo, un esemplare da più di  148.000 euro. La prova prevede un percorso a velocità ridotta alternando la modalità ibrida automatica e quella elettrica pura, E-Power, nei tratti pianeggianti; lo spettacolare cambio Tiptronic S a 8 è stato tarato per tenere il motore su regimi medio alti, ma dosando l’acceleratore si riesce a trovare il giusto compromesso fra velocità e consumi.

Le prime salite sui Colli Euganei risultano molto facili per la ibrida plug-in tedesca dato che, lavorando solo con la trazione elettrica E-Power, il motore elettrico sfoggia coppia e potenza da primato. L’obiettivo è anche quello di consumare tutta la carica elettrica prima dell’arrivo e ciò avviene a 1,5 km dalla meta, dove il consumo medio, come detto, è stato di 4,6 l/100 km con un interessante percorrenza a emissioni zero pari a 51,3 su 82,9 km.

Per la squadra avversaria, invece, c’è stato un ottimo 4,4 l/100 km, un ex-equo, che ha portato la scelta con estrazione a sorte dei due driver destinati a difendere i colori italiani nella finale europea del Porsche Panamera S E-Hybrid Challenge.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Test Porsche Panamera S E-Hybrid, grinta a emissioni zero. Foto