Dalla Formula 1 alla Formula E, ecco il Mondiale tutto elettrico

Primi test per Jarno Trulli: il mondiale da settembre 2014 a giugno 2015

E’ ormai partito il conto alla rovescia per il prossimo campionato mondiale di Formula E, la "Formula 1 per auto elettriche" che si svolgerà dal settembre 2014 al giugno 2015. Con dieci tappe cittadine in metropoli come Lodra, Pechino e Los Angeles, il nuovo mondiale a emissioni zero vedrà scendere in pista dieci team con due piloti ciascuno, con versioni "personalizzate" dell’unica monoposto a disposizione, la Spark-Renault SRT_01E, macchina con telaio Dallara, propulsori, elettronica e cambio McLaren, batterie Williams, gomme Michelin e sistema di integrazione generale Renault.
 
Le tappe del Mondiale si svolgeranno con prove, qualifiche e gara da disputare tutte in un unica giornata: i piloti avranno quattro giri per conquistare la pole e durante la gara dovranno cambiare una volta la monoposto. La potenza standard erogata durante la gara sarà di 133kw, con aumenti temporanei a mo’ di turbo fino a 200kw e velocità massima intorno ai 225 km/h. Ogni Gp durerà circa 45 minuti.
 
Intanto sono partiti i primi test, e uno dei più recenti ha visto protagonista Jarno Trulli sul tracciato di La Ferté Gaucher, circuito vicino a Choisy-le-Roi in Francia. "Da dentro sembra di guidare una vera Formula Uno: il rumore è diverso ma puoi sentire il suono del motore elettrico e del cambio, quindi in termini di feeling è perfetto per un pilota – le prime impressioni di Jarno – Magari da fuori si vede la diffrerenza ma da dentro non si nota."
 
"Come primi test mi aspettavo qualcosa di diverso dal solito ed effiettivamente lo è stato ma alla fine questa esperienza mi ha dato sensazioni simili a quelle che ho provato in una carreria trentennale con 15 anni in Fomula Uno: c’è molto potenziale in questa serie e sarò divertente perché si guiderà nei circuiti cittadini, portando anche le città nelle case degli appassionati", ha concluso Trulli.
 
Questi i dieci team che si daranno battaglia: Drayson Racing (Usa), China Racing (Cina), Andretti Autosport (Usa), Dragon Racing (Usa), e.dams (Francia), Super Aguri Formula E (Giappone), Audi Sport ABT (Germani), Mahindra Racing (India), Virgin Racing (Gran Bretagna),Venturi Grand Prix (Principato di Monaco).
 
Al volante Trulli non sarà l’unico con esperienza da Formula Uno: nel "Formula E Drivers’ Club" ci sono infatti altri piloti provenienti dal "circus" come Sebastien Buemi, Nick Heidfeld e Vitantonio Liuzzi. Per finire, una nota "rosa": al via ci sarà pure una donna, la britannica Katherine Legge.
 
MOTORI Dalla Formula 1 alla Formula E, ecco il Mondiale tutto elettrico