Fiat 147 Panorama: la versione “lunga” della 127

La Fiat 147 è una vettura che a molti non dirà nulla, ma che negli anni Ottanta conobbe un discreto successo. Ripercorriamo la storia di questo modello della casa torinese

La Fiat 147 Panorama rappresenta un modello di auto d’epoca che ai suoi tempi ebbe una grande notorietà, diventando celebre come la versione “allungata” della 127, realizzata in Sud America.

Fiat_Panorama

Nel 1976 il gruppo torinese aveva lanciato la produzione negli stabilimenti brasiliani della Fiat 147, una berlina a tre volumi caratterizzata da un motore a etanolo anziché a benzina. A partire da questa versione poté prendere corpo il progetto della Panorama, che iniziò a essere prodotta a partire dal 1980. Sul mercato europeo era presente da tempo la Fiat 127, modello alla quale, la 147 Panorama, rimandava per le forme ma non per le dimensioni.

La vettura brasiliana, in effetti, risultava decisamente più lunga della 127, con un posteriore che superava di ben 27 cm la berlina torinese. Rispetto al precedente modello 147, la Panorama aveva un frontale con fari quadrati e fanali di posizione ai lati della vettura. Auto esclusivamente a tre porte, la Fiat 147 Panorama aveva, tra i punti di forza, le sue dimensioni e i consumi piuttosto ridotti, specie se confrontati con quelli delle altre station wagon in vendita in Brasile. Le rivali del modello Fiat erano la Brasilia e la Parati, entrambe prodotte dalla Volkswagen, in aggiunta alla Marajo, vettura realizzata dalla Chevrolet.

Il motore adottato dalla Fiat 147 Panorama era un benzina di 1050 cc e 50 CV, in grado di raggiungere 135 km orari di velocità massima. La vettura era disponibile pure con il motore alimentato ad alcool, come già nella 147. Anche grazie al suo peso relativamente contenuto, inferiore agli 850 kg, manteneva consumi così bassi. Dopo qualche mese dall’entrata in produzione, il gruppo torinese decise di lanciare una versione a gasolio, ricavando il motore da 1300 cc dal propulsore a benzina. Nel 1983 la Fiat iniziò a lanciare sul mercato la celebre Uno, ma la 147 Panorama non fu abbandonata e continuò ad essere realizzata negli stabilimenti di Belo Horizonte, più precisamente nel Minas Gerais.

Il gruppo torinese decise di attuare un’operazione di restyling, proponendo il modello con un nuovo frontale e soprattutto con la quinta marcia. Tra gli elementi di novità figuravano pure il servofreno e uno sterzo più leggero, mentre rimanevano invariati i motori, rispettivamente un 1050 di cilindrata alimentato a benzina, e un 1300 di cilindrata diesel. La vecchia e amata auto aveva prezzi concorrenziali rispetto alla Uno, ma scomparve progressivamente dai listini a partire dal 1985. Essa finì per essere sostituita nel 1987 dalla Duna Weekend, anno storico in cui, la Fiat 147 Panorama uscì definitivamente di produzione dagli stabilimenti brasiliani della Fiat.

MOTORI Fiat 147 Panorama: la versione “lunga” della 127