Investire in auto d’epoca conviene

Questo dice l'analisi redatta dal portale inglese Money Super Market

Le auto d’epoca? Sono un investimento sicuro. Lo dicono gli analisti di “Money Super Market”, azienda molto nota nel Regno Unito, soprattutto tra i risparmiatori che grazie ai consigli del portale sono riusciti a preservare e a far fruttare buona parte del proprio patrimonio finanziario. Secondo i dati raccolti dagli esperti del sito, nel 2016 le automobili d’antan sono state un vero e proprio oggetto del desiderio per gli acquirenti desiderosi di investire il proprio denaro in un bene di rara bellezza e di grande sicurezza dal punto di vista finanziario.

I profitti positivi sono stati evidenti e hanno fatto segnare rendimenti che hanno toccato anche il 28%, un vero e proprio record che ha reso l’acquisto delle auto d’epoca uno degli investimenti più sicuri dello scorso anno.

Il sito internet, divenuto nel tempo un punto di riferimento per i risparmiatori, ha stilato una classifica delle old car più costose al mondo, dei gioielli a quattro ruote che rappresentano un investimento sicuro come la Ferrari 250 GTO, venduta il 14 agosto del 2014 per 38 milioni e 115 mila dollari e che nel giro di tre anni ha fatto lievitare il proprio valore di 400mila dollari.  Stessa sorte per la Mercedes Benz W196 del 1954, una delle auto più rappresentative del mondo della Formula 1, vale oggi 700mila dollari in più rispetto al 2013, quando venne venduta per 29 milioni e 600 mila dollari.  Altro gioiello a quattro ruote è considerata la Jaguar D-Type, protagonista dei circuiti di Le-Mans che vale quasi 22 milioni di dollari.

Cifre stellari che incuriosiscono non soltanto gli amanti delle belle automobili d’epoca, ma anche gli investitori in cerca di facili e veloci guadagni. Ma il mondo della finanza insegna che i trend positivi non durano in eterno, gli analisti adesso si interrogano e cercano di capire per quanto tempo ancora le super car del passato possano mantenere le incredibili performance che hanno garantito fin ora ai fortunati venditori guadagni a 5 zeri.

Alcuni esperti del settore percepiscono i primi segnali di stagnazione, dopo che le marche più richieste, come Ferrari, Bugatti e Mercedes, hanno dato il meglio di sé in termini di compravendita. Forse per il mercato della automobili d’epoca sta per arrivare una frenata, ma poco male, chi ha la fortuna di poter conservare nel proprio garage i capolavori automobilistici, anche se le quotazioni dovessero crollare, potrà sempre ottenere consolazione contemplando i bellissimi gioielli dell’ingegneria meccanica del passato che oggi sono diventati dei tesori da milioni di euro.

MOTORI Investire in auto d’epoca conviene